sabato 31 gennaio 2015

tendere alla meta

la vita di ogni uomo è una via verso se stesso, il tentativo di una via, l'accenno di un sentiero.
nessun uomo è mai stato interamente lui stesso, eppure ognuno cerca di diventarlo, chi sordamente, chi luminosamente, secondo le possibilità.
ognuno reca con sé, sino alla fine, residui della propria nascita, umori e gusci d'uovo d'un mondo primordiale. 
certuni non diventano mai uomini, rimangono rane, lucertole, formiche.
taluno è uomo sopra e pesce sotto, ma ognuno è una rincorsa della natura verso l'uomo.
tutti noi abbiamo in comune le origini, le madri, tutti veniamo dallo stesso abisso; ma ognuno, tentativo e rincorsa dalle profondità, tende alla propria meta.
possiamo comprenderci l'un l'altro, ma ognuno può interpretare soltanto se stesso.

hermann hesse

martedì 27 gennaio 2015

Maestri


"Così il bambino fragile – oramai è comprovato da tante ricerche longitudinali – è quasi sempre smentitore di predizioni negative perché, alla pari di quasi tutti i bambini - magari più sereni - ha tante risorse dentro di sé e, a volte, può bastare un incontro casuale con una persona, un amico, un professore, un maestro, perché tutte queste potenzialità vengano fuori. Dico davvero sa? Può bastare un incontro con una persona che il bambino prende a modello… i bimbi hanno bisogno di modelli positivi. Hanno bisogno di maestri."

Manuel Tejera de Meer

lunedì 26 gennaio 2015

grandi sogni


succede di sedersi di fronte a qualcuno che non vorrebbe essere lì, perché non lo ha scelto.
non lo avrebbe scelto mai: sta così male da esser certo che nessuno più lo capirà.

assente, desideroso di far passare il tempo più velocemente possibile.
la sua laconicità è scoraggiante, il suo sguardo schivo, avvilente.

scoraggiato e  avvilito, così si è seduto. 
con la sua voglia di scappare via, perché non sia l’altro, ancora una volta, a lasciarlo solo.
via dalle sue domande, dai suoi sogni così grandi che, se li racconta, poi sembrano assurdi.

ma nessuno dei due s’è allontanato.
disorientati entrambi dal dolore, dalla mortificazione, dalla privazione che lascia il sogno abbandonato.

e il sogno si riforma e con lui un’energia nuova.

venerdì 16 gennaio 2015

compagno di viaggio

lady in rose, giovanni boldini
un compagno di viaggio affidabile, ci dipinge come siamo.
non più belli.
nemmeno più brutti.
come siamo.
e giocando con la luce, evidenzia le nostre qualità.

giovedì 15 gennaio 2015

657

presa da qui
Abito nella Possibilità -
Una Casa più bella della Prosa -
Più ricca di Finestre -
Superiore - per Porte -

Stanze come Cedri -
Impenetrabili all'Occhio -
E per Indistruttibile Tetto 
Gli Spioventi del Cielo -

Visitatori - i più discreti -
Per Lavoro -  Questo -
l'espansione delle mie piccole Mani 
A raccogliere il Paradiso -

Emily Dickinson



I dwell in Possiblity -
A fairer House than Prose -
More numerous of Windows -
Superior - for Doors -

Of Chambers as the Cedars -
Impregnable of Eye -
And for Everlasting Roof
The Gambrels of the Sky -

Of Visitors - the fairest -
For Occupation - This -
The spreading wide my narrow Hands
To gather Paradise -


lunedì 12 gennaio 2015

incontro

un'esplorazione autentica, profonda e amichevole di se stessi, è prerogativa fondante per l'incontro con l'altro.

come si può sperare in una conoscenza sincera, soddisfacente e costruttiva, se l'andare verso l'altro è un modo per fuggire da sé, dalla propria casa, dalla propria vita? 

mercoledì 7 gennaio 2015

contrasto

quando non ci sentiamo apprezzati da chi riceve la nostra generosa dedizione, è il momento di smettere di darsi da fare.

a volte, si è tanto presenti da diventare scontati.

si pensi alla disponibilità di acqua in casa: solo quando questa viene a mancare si comprende appieno quanto sia indispensabile.

domenica 4 gennaio 2015

fare la differenza


è ciò che facciamo di ciò che abbiamo, 
non ciò che ci viene dato, 
che distingue una persona da un’altra”.

(nelson mandela, sudafrica, 1918-2013)


"la vita non è quella che dovrebbe essere. 
è quella che è. 
è il modo in cui l'affronti che fa la differenza".

(virginia satir, winsconsin 1916-1988)