martedì 7 ottobre 2014

1, 2, 3… via

da dove iniziare a esplorare il mondo?

fermandosi.

arrestare l’atto di spostarsi in modo casuale, acritico e condizionato dalla scontentezza, è il meglio si possa fare per comprendere come le emozioni condizionino immaginazione e creatività.

quando il quotidiano è sgradevole, pesante, faticoso, i nostri pensieri ne sono influenzati ed è ora di esaminare ciò che portiamo con noi nella vita.

cominciare col sedersi, svuotare il proprio bagaglio e sistemare davanti a sè il contenuto.
osservare ogni cosa, interrogandosi sul significato, l’impiego e l’attualità.
riorganizzare in ordine di importanza e utilità ogni oggetto, escludendo l’obsoleto e ciò che grava senza restituire soddisfazione.

liberato dagli inutili ingombri, l’essenziale sarà disposto con chiarezza.
allora servirà un quaderno per appuntare ciò che manca, ciò che va risistemato e tutte le idee nascenti che verranno.

nel “ripulire” il bagaglio, si fa spazio al nuovo e scaturiscono emozioni di leggerezza, apertura e possibilità.
queste sono condizioni per ideare un percorso, appassionante e sorprendente.

si affaccia la paura di scoprire che il bagaglio è tutto da buttare e il timore di ritrovarsi svuotati e soli?

sarà rassicurante sapere che nella borsa di ognuno c’è sempre molto materiale prezioso, spesso -purtroppo- svalutato da un caotico sovraccarico.
liberarsi dell’inutile, ridimensionare e attualizzare il necessario, servirà a rivalutare l’indispensabile, avvicinando emozioni, pensieri ed azioni, alla nostra straordinaria meta!

domenica 5 ottobre 2014

robyn davidson torna sul national geographic


"When there is no one to remind you what society’s rules are, and there is nothing to keep you linked to that society, you had better be prepared for some startling changes".

 robyin davidson

"quando non c'è più niente a ricordarti quali sono le regole sociali e non c'è niente che ti colleghi a quella società, è bene essere preparati ad alcuni impressionanti cambiamenti".                    
                          
leggi l'articolo sul national geographic